“CASO ADDIMANDI”, LA PRESUNZIONE DI INNOCENZA NON CALPESTI I DIRITTI DELLA COMUNITA'